Home Passero del Giappone

Passero del Giappone

Il Passero del giappone (Lonchura Striata Domestica) è stato creato in cattività, infatti si tratta di un ibrido tra soggetti della famiglia delle Lunchara. Questo ibrido è nato in Cina nel 1700 ed è arrivato in Europa nel 1860. Caratterialmente è molto pacifico, infatti convive tranquillamente in gruppi piccoli e grandi con specie affine. E considerata un ottima balia (solo ed esclusivamente per altre specie della stessa taglia appartenenti alla famiglia degli estrilidi), infatti non è necessario formare una coppia composta da soggetti di sessi opposti e ne che questi inizino a deporre per sostituire le uova con quelle della specie da baliare, infatti basta unire la coppia (con un certo anticipo naturalmente) mettere poi un nido già imbottito con delle uova finte dentro e in pochi giorni la coppia dovrebbe iniziare a covare.

Come riconoscere il sesso e l'età

Riconoscere il sesso nei Passeri non è semplicissimo, infatti l'unico modo SICURO è vedere se cantano. A volte può capitare di avere 2 maschi e che non ce ne accorgiamo poichè vediamo che solo uno canta è l'altro no, questo vuol dire che il maschio che canta è Dominante sull'altro maschio che tace, quindi qual'ora non siamo sicuri del sesso dei nostri Passeri, basta dividerli in 2 gabbie diverse in modo che non si possano vedere. In questa maniera il maschio sottomesso inizierà a cantare nel giro di pochi giorni. Così sapremo se i soggetti in questione sono effettivamente una coppia. L'età la si può riconoscere fino i 2 mesi e mezzo 3 mesi. Infatti i novelli che hanno meno di 3 mesi presenteranno il piumaggio non del tutto completo, come ad esempio non avrà definito le "lische" su tutto l'addome e il petto.

Alimentazione
Il Passero del Giappone non è molto esigente, per prima cosa bisogna procurarsi un buon misto di semi apposta per loro come questo mostrato in foto
dscn7490a
Il misto nella foto contiene i seguenti semi:
Miglio Giallo, Panico Giallo, Scaglio, Avena Spezzettata, Panico Rosso, Miglio Giapponese e Niger, in percentuali variabili.
Inoltre và dato, un paio di volte a settimana, frutta e verdura (ad esempio mela, pera, banana ecc oppure insalata, zucchina, carota ecc), nella gabbia non deve mai mancare i Sali minerali e l’Osso di Seppia. Il pastoncino và dato soprattutto nel periodo riproduttivo, non lo si da mai durante la cova delle uova (poiché possono ingrassare più del dovuto) ma solo alla nascita dei primi pulli fino al loro completo svezzamento, durante lo svezzamento dei piccoli si possono dare anche le spighe di panico che aiuteranno questi ultimi a mangiare da soli. Fuori dal periodo riproduttivo il pastoncino và dato una volta ogni tanto (in estate non và dato), stessa cosa per le spighe di panico.

Riproduzione
Il Passero del Giappone può iniziare a riprodurre dai 6 mesi di vita. Il nido che si usa per loro e questo a cassettina in plastica

dscn74

Il nido viene costruito sia dalla femmina che dal maschio. La femmina deporrà una media di 4-5 uova che verrano covate a turno dalla coppia. L'incubazione dura 16-17 giorni. Alla nascita il pullo si presenterà completamente nudo con qualche peletto sul dorso. A 7 giorni aprirà gli occhi e avrà un pò di colore sulle ali e coda. A 11 giorni di vita avranno messo tutti i calami sulle ali e coda. A 14 giorni inizierà ad aprire i calamai delle ali, metterà i calamai sulla testa sui fianchi e addome. A 16 giorni avranno completato il piumaggio sulle ali, inizieranno a uscire le piume della coda .

Foto della crescita dei Passeri del giappone

img 61141

 2 giorno

4 giorno1

6 giorno1

8 giorno1

9 giorno1

10 giorno1

12 giorno1

14 giorno1

16 giorno1

17 giorno1

18 giorno1

19 giorno1

20 giorno1

22 giorno1

25 giorno1

 

A 40-45 giorni saranno autosufficienti.

 

Articolo scritto interamente da me e foto prese dal mio allevamento.